Food

July 22, 2016

De gustibus Connection #47: Sieglinde Pircher, 100 Grad, Brunico

Mauro Sp
De gustibus connection è una violazione della proprietà (intellettual-culinaria) altrui, un auto-invito a pranzo da chi sa cucinare davvero, un rapido interrogatorio senza la presenza di un legale, una perquisizione senza mandato tra mestoli e padelle. In una calda giornata d'estate, non c'è nulla di meglio dei 100 Grad di Sieglinde Pircher per starsene deliziosamente freschi...

Sieglinde Pircher: Finalmente!

Mauro Sp: Mi aspettavate?

S: Certo, dalle 16! …e sono già le 16:30!

M: Ma io non avviso mai nessuno delle mie visite, a dire il vero.

S: Ma tu non sei qui per la lezione?

M: Quale lezione?

S: Quella di pasticceria.

M: Effettivamente, questa è una pasticceria… ma io sono qui per fare delle domande.

S: Certo, dopo la spiegazione, potrai fare delle domande.

M: Ma io non voglio fare nessun corso.

S: Niente domande e niente risposte.

…più tardi…

S: Allora, come hai trovato la mia lezione?

M: Molto interessante, ma ora le domande le faccio io.

S: Ok!

M: Parliamo proprio delle tue lezioni. Che soddisfazione ti dà questa attività?

S: Sono una persona molto socievole e mi piace stare con persone che hanno la mia stessa passione per i dolci, ma che non hanno mai avuto la possibilità di approfondire le loro conoscenze in materia. Poter trasmettere la mia esperienza alle persone – dalla semplice casalinga al professionista del settore – è per me una grandissima soddisfazione.

Mauro Sp: Come nasce la tua passione per la pasticceria?

Sieglinde Pircher: Sono cresciuta a Scena, in una zona nota per i dolci fatti con le castagne. Mia nonna preparava i migliori Krapfen di castagne del paese, e io non vedevo l’ora di tornare da scuola per darle una mano. Questi ricordi della mia infanzia hanno sicuramente contribuito a far crescere la mia passione per i dolci.

M: Qual é il tuo dolce preferito?

S: Amo i dolci altoatesini, come lo Strudel e i Krapfen, ma, al di lá di questo, anche per i dolci vale il principio per cui sono sempre alla ricerca di nuovi sapori, che posso integrare nelle mie ricette. È cosí che ad esempio è nato lo strudel al mango e lamponi.

M: …Strudel di mango e lamponi: molto interessante! Come ti vengono le idee per nuovi dolci?

S: Per me é fondamentale vivere pienamente la giornata con tutti i sensi, questo mi aiuta a trovare l’ispirazione per nuovi dolci. Che dire, mi piace sperimentare con gusti sempre nuovi, e questo é anche il mio segreto per non perdere mai la mia passione per la pasticceria.

M: Oltre ai dolci, che immagino ti piacciano in modo particolare, cosa mangi volentieri?

S: Anche se il mio dolce preferito è altoatesino, mangio sempre volentieri una buona pasta mediterranea. Al di là di questa mia passione per la pasta, sono sempre alla ricerca di sapori nuovi e per questo assaggio sempre volentieri nuovi piatti. Chissà, magari se mi farai la stessa domanda tra dieci anni, forse il mio piatto preferito sarà un altro!

M: Che dolce mi proporresti per una calda giornata d’estate?

S: Il mio suggerimento sarebbe una buona e leggera crostata con un ripieno di gelato allo yogurt, ricoperta con frutta di stagione e decorata con dei macarons. Ti consiglierei maracuja, cassis e lamponi.

M: Quello di cuochi e pasticceri è un mondo prevalentemente maschile, come vedi questa situazione?

S: Mmm… non saprei, ma penso che le cose stiano cambiando, vediamo cosa succederà nel futuro. Eh, eh, eh!

M: Nelle ricette di pasticceria è necessario rispettare scrupolosamente ingredienti e dosi. Quale ingrediente non deve mai mancare nelle tue creazioni?

S: L’amore per il gusto e il dettaglio nella decorazione.

M: Ottime risposte!

Print

Like + Share

Comments

Current day month ye@r *

Discussion+

There are no comments for this article.

Related Articles