Culture + Arts > More

April 5, 2014

Farm Cultural Park: dalla Sicilia a Rosengarten

Franz
La terza e ultima ospite dei Rosengarten Brunch - domenica 13 aprile, ore 11, Condito - è Florinda Saieva, responsabile amministrativa di Farm Cultural Park a Favara, Sicilia. Qui una piccola "carta d'identità" del progetto, domenica maggiori approfondimenti, direttamente dalla voce di Florinda, con la quale dialogheremo su: turismo, creatività, creazione di comunità, imprenditoria, quartieri creativi.


Descrivi Farm Cultural Park in 5 parole.

Farm è un centro culturale dove è possibile sperimentare e incontrare tanta bella gente. 

Quale la caratteristica distintiva e peculiare del progetto.

È un progetto culturale non solo per gli addetti ai lavori, alla portata di tutti e senza barriere di sorta.

farm cultural parkQuando è nato e perché (quali motivazioni iniziali, obiettivi, propositi).

Farm nasce dal desiderio personale di vivere in Sicilia con uno spirito propositivo, ci ha mosso il desiderio di migliorare la nostra vita e quelle delle nostre figlie alle quali ci piacerebbe consegnare un posto migliore, senza aspettare che siano gli altri a farlo.

Descriveteci lo spazio fisico in cui abita Farm.

Farm Cultural Park nasce all’interno dei sette cortili, una sorta di casba siciliana, nel centro storico di Favara. Tante casette “ Cammare e dammusi” sono state ristrutturate e restituite alla comunità come project room, spazi espositivi, laboratori etc.

farm cultural parkQual é il vostro target, a chi vi rivolgete?

Sicuramente i giovani, ma anche creativi e appassionati di arte e di design, con il tempo abbiamo consolidato il nostro rapporto con il territorio per cui i cittadini di Favara sono diventati un pubblico diverso ma non per questo meno importante, anzi.

Qual é la vostra formula di sostenibilità economica?

Ancora non siamo in grado di sostenerci del tutto ma con il tempo abbiamo sviluppato una serie di servizi che contribuiscono a rendere sostenibili alcune spese, ma ci stiamo lavorando.

La squadra di progetto da chi è composta? Come lavorate?

Attorno a noi si è costruita una vera e propria comunità che ogni giorno mette a disposizione competenze, professionalità e tanta passione, abbiamo anche due collaboratori che ogni giorno garantiscono l’apertura degli spazi. Io mi occupo della parte amministrativa/gestionale, Andrea si occupa principalmente della parte creativa e delle relazioni con i creativi.

farm cultural parkLa cosa più bella che avete fatto e perché?

Non saprei scegliere, sicuramente l’inaugurazione è stato uno dei momenti più belli ed emozionanti, in tre mesi siamo riusciti in una impresa difficile e vedere i volti della gente incredula ma contenta è stato bellissimo.

Progetti futuri? 

Stiamo lavorando a un progetto, anche questa volta, più grande di noi, un Children Museum, una struttura dove i bambini potranno giocare e divertirsi imparando. 

http://www.farm-culturalpark.com/

Print

Like + Share

Comments

Current day month ye@r *

Discussion+

There are no comments for this article.

Archive > More