People + Views > Bloggers

February 21, 2013

Tutto il mondo è paese #08. Laives, novembre 1962

Roberto Tubaro

Un’altra giornata da pendolare di John Lennon, giovane ragazzo di Pineta di Laives noto per far parte di un gruppo musicale di altoatesini chiamato “The Beatles”. Da circa un mese percorre il tragitto Laives-Trento, per poter proseguire gli studi. Si può dire quindi che, nonostante si presti ad esse ormai famoso quasi a livello mondiale, John non ha perso la sua umiltà ed è rimasto quindi un ragazzo come tanti altri. E’ bene ripercorrere brevemente la sua storia. John, al tempo Giovanni Lennonio, nel 1957 si trovava all’annuale festa della parrocchia di don Bosco a Bolzano, come leader del gruppo “Cavatori”. È li che Giovanni conosce Paolo von Kartner, un brissinense venuto a fare due pezzi alla festa. Tra i due c’è subito intesa. Da li a  poco, dopo un audizione sull’autobus della linea Laives-Bolzano, entra a far parte del gruppo anche Giorgio Arriso, nato in Sicilia ma residente a Bolzano, grande chitarrista. Prendendo spunto dal gruppo bolzanino “i grilli” di Buddy Holly (Carlo Holler) decidono di cambiare nome e chiamarsi “i coleaotteri”. Il loro manager, una volta presa in mano la situazione, capisce subito che la prima cosa da fare è un bel cambio di nomi. John Lennon, Paul McCartney, George Harrison diventano quindi i membri del nuovo gruppo chiamato “Beatles”. Il primo ingaggio è in un locale del quartiere a luci rosse di Amburgo dove in due anni il gruppo suonerà per ben 800 ore con il batterista Piero Migliore di Appiano. John però, in tutto questo periodo, non ha mai smesso di aver voglia di studiare e, nelle pause tra un ciclo amburghese e l’altro ha sempre fatto ritorno a casa per andare a frequentare l’università. Ed eccoci quindi ad oggi. Questa mattina infatti John ha rilasciato un’intervista nella quale si lamenta delle Ferrovie dello Stato, per colpa delle quali perde quotidianamente ore preziose della sua giornata a causa di continui ritardi e soppressioni di treni: “Viaggiare con il trasporto pubblico è veramente dura, c’è sempre da aspettare! E per colpa dei ritardi continuo a perdere lezioni e soprattutto tempo. La notte poi arrivo distrutto, praticamente ogni notte è una notte di un duro giorno!” Il mezzo pubblico però non ha solo lati negativi. “Ieri, durante il mio viaggio verso Trento, mi è venuta voglia di ambientare in un treno parte del prossimo film che gireremo con i Beatles e che uscirà nel ’63!”

Per volere del manager (evidentemente amante dell’inglese) il film pare che si intitolerà “A hard day’s night”. Questo manager è così tanto amante dell’Inghilterra che pare abbia deciso di trasferire il gruppo a Liverpool dove, assieme ad un nuovo batterista dovrebbero incidere il primo album.

Che dire, non ci resta che aspettare l’uscita di questo film e del primo album che siamo sicuri sarà un successo che porterà benefici anche alla nostra piccola ma grande provincia.

 

Print

Like + Share

Comments

Cancel reply

Current day month ye@r *

Discussion+

There are 2 comments for this article.
  • Laives, novembre 1962 | Rtcj · 

    [...] Un’altra giornata da pendolare di John Lennon, giovane ragazzo di Pineta di Laives noto per far parte di un gruppo musicale di altoatesini chiamato “The Beatles”. Da circa un mese percorre il tragitto Laives-Trento, per poter proseguire gli studi. Si può dire quindi che, nonostante si presti ad esse ormai famoso quasi a livello mondiale, John non ha perso la sua umiltà ed è rimasto quindi un ragazzo come tanti altri. E’ bene ripercorrere brevemente la sua storia. John, al tempo Giovanni Lennonio, nel 1957 si trovava all’annuale festa della parrocchia di don Bosco a Bolzano, come leader del gruppo “Cavatori”. È li che Giovanni conosce Paolo von Kartner, un brissinense venuto a fare due pezzi alla festa. Tra i due c’è subito intesa. (Continua su Franzmagazine) [...]

  • Laives, novembre 1962 | Rtcj · 

    [...] Un’altra giornata da pendolare di John Lennon, giovane ragazzo di Pineta di Laives noto per far parte di un gruppo musicale di altoatesini chiamato “The Beatles”. Da circa un mese percorre il tragitto Laives-Trento, per poter proseguire gli studi. Si può dire quindi che, nonostante si presti ad esse ormai famoso quasi a livello mondiale, John non ha perso la sua umiltà ed è rimasto quindi un ragazzo come tanti altri. E’ bene ripercorrere brevemente la sua storia. John, al tempo Giovanni Lennonio, nel 1957 si trovava all’annuale festa della parrocchia di don Bosco a Bolzano, come leader del gruppo “Cavatori”. È li che Giovanni conosce Paolo von Kartner, un brissinense venuto a fare due pezzi alla festa. Tra i due c’è subito intesa. Da li a  poco, dopo un audizione sull’autobus della linea Laives-Bolzano, entra a far parte del gruppo anche Giorgio Arriso, nato in Sicilia ma residente a Bolzano, grande chitarrista. Prendendo spunto dal gruppo bolzanino “i grilli” di Buddy Holly (Carlo Holler) decidono di cambiare nome e chiamarsi “i coleaotteri”. (Continua su Franzmagazine) [...]

Related Articles