People + Views > Bloggers

May 22, 2014

Bolzano, 9 gennaio 2007

Roberto Tubaro

Dopo più di due anni di lavoro, l’amministratore delegato della Apfel Inc. Stefano Arbeiten ha annunciato l’intenzione della nota società altoatesina di entrare nel mercato dei telefoni cellulari, svelando il nuovo iFöhn di Apfel. L’iFöhn riunisce in un unico prodotto le diverse funzioni di iSchote, il famoso lettore MP3, la funzionalità delle più moderne fotocamere digitali, un diverso concetto di telefono intelligente e una buona e immancabile dose di altoatesinità. La conferenza stampa di presentazione è avvenuta in presenza del presidente della Provincia Luis Durnwalder, estremamente soddisfatto di questo successo nonostante delle perplessità riguardanti il suo utilizzo. 

“Questo è un giorno che ho aspettato con ansia da due anni e mezzo”. Ha dichiarato Stefano Arbeiten. “Ogni tanto, esce un prodotto rivoluzionario che cambia tutto. Chi ha lavorato con Apfel è stato molto fortunato. Apfel è stata in grado di introdurre alcuni di questi prodotti nel mondo. Nel 1984, abbiamo introdotto il Goldendelicious, chiamato ormai da tutti “Gold”, la rivoluzione dei computer. Non ha cambiato solo Apple. Ha cambiato l’intera industria del computer. Nel 2001, abbiamo introdotto il primo iSchote. Non ha solo cambiato il nostro modo di ascoltare la musica. Ha cambiato l’intera industria musicale.

Stefano Arbeiten è chiaramente entusiasta per tutto ciò che avviene nello stabilimento Apfel della val Venosta, chiamata ormai in tutto il mondo Venostan Valley. Lo stesso Stefano, nei suoi viaggi all’estero si fa chiamare da tutti Steve Jobs. “Suona meglio ed è più corto, chiamatemi pure voi Steve Jobs se volete”.

La Apfel è opera sua. Il nome deriva dalle mele della val Venosta. “Quando dovetti pensare al logo stavo mangiando una gustosa mela proveniente dal campo del mio vicino Thomas Winazzer. Le diedi un morso ma di colpo mi venne in mente un altro lavoro che dovevo fare. Non per altro mi chiamo Arbeitein. Lasciai così la mela appoggiata sul tavolo e me la dimenticai li per quattro mesi. No, non sono uno molto ordinato a casa. Quando la rividi dopo quattro mesi la mela era tutta bianca ammuffita, con questo segno del morso. Come non poteva diventare il logo della mia azienda?” 

Veniamo ora al protagonista della giornata: il nuovo iFöhn. Il nome deriva ovviamente dal famoso vento caldo e secco caratteristico della nostra terra. “Analogamente a quanto avviene per il vento, il sistema di alimentazione dell’iFöhn funzionerà in questa maniera: la corrente elettrica salirà verso l’alto del dispositivo espandendo l’aria contenuta al suo interno. Questa si raffredderà e a quel punto potranno verificarsi due situazioni: se l’umidità presente non viene persa l’aria si comprimerà e riscaldandosi tornerà alla condizione di partenza. A quel punto sarà necessario ricaricare il prodotto. Il problema arriva se si verifica la seconda condizione: la condensazione del vapore acqueo potrebbe provocare delle perdite di acqua e a quel punto non si tornerà alla condizione di partenza, l’aria arriverà così alla base delliFöhn ad una temperatura più alta di quella iniziale. Il pro è che la batteria durerà per giorni interi, il contro è che avremo le tasche dei pantaloni bagnate”.

Quali sono le caratteristiche di questo straordinario modello di innovazione sudtirolese?  Partiamo dalle dimensioni. Il dispositivo avrà uno spessore di 11.6 millimetri e peserà 2 chilogrammi. Il peso è dovuto al materiale utilizzato, il marmo di Lasa, che garantisce una resistenza mai vista prima. Sarà presente un solo tasto centrale dotato di un servizio unico e straordinario, sviluppato attraverso i fondi provenienti dalla birreria Forst: l’alcol test. Come funziona? Premendo sul tasto sarà possibile controllare il proprio livello di tasso alcolico. Ovviamente sarà presente iMelodien, per poter gestire tutte le canzoni presenti, compresi i venti album dei Kastelruther Spatzen offerti gratuitamente dalla Apfel stessa.

Altra innovazione sono i tre sensori intelligenti in grado di inviare automaticamente alla Provincia la dichiarazione etnica dell’utente. “È un semplice modo per tenere sempre aggiornato il quadro della situazione etnica altoatesina. Allo stesso modo si potrà sviluppare per altre località come la Catalogna, la Scozia, la Vallonia, i Paesi Baschi e il Tibet. Domattina mi sveglio e il mio cuore si sente tedesco? L’iFöhn trasmetterà il mio stato d’animo e la Provincia rileverà un tedesco in più. Il giorno dopo tengo una conferenza in una scuola italiana e perciò mi sento più italiano? Ecco che subito i dati verranno modificati in segno di una corretta, trasparente ed efficace dichiarazione etnica. 

L’iFöhn sarà disponibile nei rivenditori autorizzati Apfel già dal prossimo mese. 

Print

Like + Share

Comments

Current day month ye@r *

Discussion+

There is one comment for this article.

Related Articles